Curiosità

L’oro deriva dal latino Aurum, che significa scintillante: è per questo che nella tavola periodica riporta il simbolo Au.

Fin dall’antichità, è uno dei metalli più preziosi che esistano. Impiegato nei rituali sacri ed accostato ai personaggi importanti di tutte le epoche, l’oro è stato anche coniato come moneta. Grazie alla sua facilità di lavorazione ed alla sua particolare lucentezza, gli antichi egizi lo impiegarono fin da subito nelle loro lavorazioni orafe. È il metallo più duttile e malleabile che ci sia, il che impedisce la maggior parte delle volte di utilizzarlo allo stato puro per essere lavorato. Nell’antica Grecia proveniva da Zeus, mentre in Egitto era definito la carne di Ra.

Durante gli anni 60 è diventato un bene di rifugio, a causa della crisi che colpì il dollaro americano. Alla fine del decennio, venne ufficialmente riconosciuto il mercato dell’oro, mercato ancora in utilizzo ai giorni nostri nei momenti di inflazione delle diverse valute. Il prezzo del metallo prezioso viene assegnato in base all’equilibrio tra la domanda e l’offerta.

L’oro è spesso associato al simbolismo, unito alle pietre colossali e considerato un tesoro aureo, sia da chi lo maneggia che da chi lo indossa.

oro

La purezza: come si calcola

In base alla purezza, viene suddiviso in diverse percentuali. L’oro puro è a 24 carati e si trova solamente sotto forma di lingotti. Come calcolare la percentuale d’oro puro nel vostro gioiello? Basteranno due semplici calcoli.
Dividete la caratura del vostro monile per 24 e moltiplicatelo per 100.

Es. Orecchini in oro 22 carati: 22/24=0.916 0.916*100=91.6%
Es Orecchini in oro 14 carati: 14/24=0.583 0.583*100=58.3%

La restante percentuale è composta da altri metalli, generalmente rame o argento.

Le diverse leghe dell’oro

Quante leghe da gioielleria conosciamo? Oro giallo, bianco, rosso, verde.. È arrivato il momento di fare chiarezza e definire, con l’aiuto di Wikipedia, la composizione di questo grande arcobaleno.

  • Oro verde: per il 75% è composto d’oro, per il 12.5% d’argento e per altrettanta percentuale dal rame.
  • Oro giallo: composto per il 75% d’oro. per il 12-7%  d’argento e per il 13-18% dal rame.
  • Oro rosa:  75% d’oro, 6.5-5% d’argento e 18.5-20% rame.
  • Oro rosso: 75% oro, 4.5% d’argento e 20.5% rame.
  • Oro blu: questo particolare oro è composto da una lega formata da oro e ferro.
  • Oro bianco: 75% d’oro e 25% da nichel, argento o palladio.

 

 

Che si parli di oro al passato, al presente o al futuro, rimane indiscussa la sua importanza economica ed il valore simbolico, attraverso il calore che emana. Sia esso scolpito su una statua, indossato come monile o custodito gelosamente come lingotto, conviverà per sempre con l’essenza del metallo più prezioso del mondo.

One thought on “Viaggio nel mondo dei metalli: la storia dell’oro

  1. Pingback: Viaggio nel mondo dei metalli: la storia dell'o...

Lascia una risposta